Che cos'è la deprogrammazione?

Si tratta di una pseudo-terapia in cui un appartenente di una religione impopolare o controversa viene portato via, trattenuto contro la propria volontà e ripetutamente umiliato, fatto oggetto di invettive, tormentato e minacciato da individui, solitamente pagati dalla famiglia del malcapitato, finché non abiura la propria fede.

Questo termine è passato alla cultura popolare. Recentemente, a causa della pessima reputazione di diversi deprogrammatori, adesso viene utilizzata una terminologia diversa (eufemistica) per quel ruolo, tipo "interventisti" e "exit counselor".

Molti ex-membri che in seguito cercano di mettere a tacere le loro coscienze sporche dicendo peste e corna della religione di cui non fanno più parte, spesso sono stati appositamente "deprogrammati".

DOCUMENTAZIONE:

© Verba Volant. Tutti i diritti riservati.