Cos'è successo a Lisa McPherson?

Lisa McPherson era una Scientologist che morì a causa di un’eccessiva coagulazione del sangue sviluppatasi a seguito di un incidente d’auto. Alcuni individui senza scrupoli hanno tentato di trarre profitto dalla morte di questa ragazza e hanno creato un polverone intorno al decesso. Ecco perché è così conosciuta.

Ecco una breve sintesi della sua storia.

Lisa McPherson morì di ciò che i medici chiamano embolia polmonare (grumi nel sangue). Altre dichiarazioni di un medico (Dr. Joan Wood) si sono rivelate infondate, come la stessa dottoressa ha poi ammesso quando è stata messa di fronte ai fatti. Tant’è che nessuno degli esperti in medicina, in tutto il paese, consultati in merito alla vicenda, hanno mai avvalorato le conclusioni della Wood.

Quando la dottoressa ha realmente valutato i fatti, è invece giunta alla conclusione che Lisa McPherson morì per cause naturali provocate da un’embolia polmonare dovuta a una lesione agli arti inferiori a seguito di un incidente d’auto. Infatti, tutte le imputazioni contro la Chiesa sono state liquidate dal pubblico ministero.

Inoltre, quando tale prova venne mostrata al giudice (nella causa civile), egli decretò che Lisa McPherson era diventata parte della Chiesa di sua propria determinazione, e archiviò così la parte principale del caso. Ciò che rimaneva del procedimento venne poi concluso lo stesso anno.

Lisa non è stata maltrattata, al contrario si era affidata spontaneamente alle cure dei suoi amici. Non aveva perso 20 chili. Queste sono bugie inventate per collimare con una campagna di disturbo contro la Chiesa di Scientology e i suoi affiliati. Il medico ha stabilito che Lisa è morta per cause naturali.

DOCUMENTAZIONE

© Verba Volant. Tutti i diritti riservati.